Archive for novembre 2009

Mark Lewis
novembre 30, 2009

<Nicola_4>
Continua la ricerca che, oltre a svolgersi sui libri in biblioteca, cerca anche di cogliere le opportunità concrete di incontro con gli artisti e le opere.
Dopo Cahen a Lucca, ecco dunque qualche appunto sulla visita alla mostra delle opere di Mark Lewis (visto anche alla recente Biennale di Venezia) a Firenze.
E’ in corso di trascrizione anche la sua lecture tenuta il 25 novembre, tutta rigorosamente in inglese (dunque, ci vorrà ancora un pò di pazienza..).

Intanto una piccolissima introduzione alla figura di Mark Lewis e alla mostra (l’unica parte in italiano della lecture…).

Oltre che materiali per la mia tesi, l’incontro serviva anche a trovare qualche spunto per il nostro video sul quale, al più presto, cercheremo di rimetterci al lavoro.

La Scuola di Ulm
novembre 22, 2009

<Lucia_4>
Anche se manca ancora qualche dettaglio da aggiungere, il paragrafo sulla Scuola di Ulm è in sostanza finito…restano per ora nel testo, in rosso, quelle che diventeranno poi le note (una questione di comodità mia di redazione).
Non si tratta del primo paragrafo del capitolo (che comincerà invece parlando della colonia degli artisti di Darmstadt per poi passare al Bauhaus) ma ho cominciato da qui per motivi di disponibilità dei testi. Infatti, una importante parte del lavoro di ogni tesi è l’assidua frequentazione delle biblioteche….con tutte le difficoltà connesse..

Prossimo passo: il Bauhaus e la colonia degli artisti di Darmstadt
Spero di farcela entro la settimana… 😉

Gli anni ’90
novembre 19, 2009

<Nicola_3>
Nel tentativo di stringere il campo, individuando un periodo specifico di analizzare, la scelta è caduta sugli anni ’90, come momento in cui è più forte il confronto tra video e cinema.
Ecco più in dettaglio le motivazioni della scelta.

Segue una seconda versione della scaletta in cui una parte della struttura inizia a precisarsi meglio.

La struttura si arricchisce
novembre 19, 2009

<Lucia_3>
Decisivo è stato un colloquio ricco di spunti, che ha prodotto una fitta serie di suggerimenti e nuovi ambiti da esplorare un pò alla volta (la foto è terribile, lo so….):

La scaletta subisce quindi un riordino e viene notevolmente dettagliata, almeno per due di quelli che ora sono diventati 4 capitoli in totale. Ecco qua la nuova scaletta.

Si apre una nuova fase di ricerche massiccie in biblioteca per poter mettere mano alla stesura del primo capitolo, una panoramica storica che si concentra sul alcuni momenti fondamentali per la storia del progetto.
Gli spunti sono veramente molti e non posso che procedere con ordine.
Al momento, sto lavorando sul paragrafo che riguarda la Scuola di Ulm, sudando sopra un voluminoso ma ricco catalogo di una mostra organizzata negli anni ’80.
Entro il finesettimana spero di postarlo (magari finito e corretto).

Di qui in avanti, l’aggiornamento sarà al presente, cioè in tempo reale….ciò significa molto probabilmente un rallentamento nella frequenza dei post, visto che finora stavamo riepilogando il lavoro svolto nell’ultimo mese (mica abbiamo fatto tutto questo in una settimana!)….ma ci daremo da fare 😉

Dall’argomento alla struttura
novembre 18, 2009

<Nicola_2>
Dopo aver sommariamente scelto il tema, il consiglio è stato ovviamente quello di approfondire e tentare di chiarirsi le idee. Un’occasione si è presentata al momento opportuno: l’inaugurazione di una importante mostra su Robert Cahen a Lucca e un incontro con lo stesso autore.
Ecco qualche appunto preso durante quei giorni, negli incontri e dopo la visita alla mostra.

Grazie anche a questa esperienza è stato possibile abbozzare una prima ipotesi di struttura della tesi.

Primi sviluppi dell’idea
novembre 18, 2009

<progetto_3>
Una volta definita l’identità del nostro progetto abbiamo cercato di definire meglio in cosa esso consistesse, iniziando sia a pensare a qualche immagine che potesse incarnare l’idea della complementarietà, sia a come sviluppare un percorso senza farlo diventare una narrazione.
Ecco le prime idee buttate giù e poi specificate in maniera più dettagliata cercando di trovare equivalenti visivi alle sensazioni che si cercherà di comunicare. In sintesi, comunque, l’idea è che i due percorsi creino una trama di rimandi incrociati che non sia immediatamente evidente ma che li renda interdipendenti (detto così sembra più complicato di quello che è…).

Finalmente qualche pagina!
novembre 18, 2009

<Lucia_2>
Sulla base di suggerimenti e dopo aver risfogliato tutti gli appunti dei corsi seguiti all’Accademia di Belle Arti, è comparsa una seconda versione della scalettaa cui si è accompagnato il lavoro su un primo corpo di testo, partendo proprio da quegli spunti ritrovati nei quaderni che per fortuna ho conservato con cura.
Ho iniziato a scrivere dalla parte per me più facile, quella che conosco un pò meglio: con in mano Da cosa nasce cosa ho cercato di riassumere le fasi del metodo progettuale descritto da Munari e ho iniziato ad abbozzare i paragrafi che nella mia mente avevano già una forma più chiara e compiuta.
Ecco il risultato.

Concept: definizione e identità visiva
novembre 16, 2009

<progetto_2>
Una volta scelto il nostro tema, abbiamo cercato di definirlo meglio in una prima bozza di Introduzione_al_progetto.
Altra priorità era il nome da dare all’intera operazione: dopo aver riempito un pò di fogli con sequenze di lettere senza senso siamo arrivati ad una soluzione che è stata tradotta in marchio, con alcune varianti anche nei colori che andranno a distinguere il corpo dei due singoli lavori di tesi.
(Suggerimenti sull’aspetto grafico del logo saranno vivamente graditi, dunque….commenti!!!)

9_identità_blog

Argomento: prime idee
novembre 16, 2009

<Nicola_1>
Tutto parte dal tentativo di unire due campi di interesse: il cinema e l’arte contemporanea. L’idea è stata allora quella di andare ad analizzare come l’arte usa il linguaggio del cinema, quali sono le differenze di linguaggio ma anche di fruizione da parte del pubblico di prodotti come una videoinstallazione in una mostra o una pellicola in un cinema.
Ecco le prime idee e i primi nomi di artisti buttati giù alla ricerca di un filo conduttore del percorso da compiere.

Alla ricerca di un concept
novembre 16, 2009

<progetto_1>
Il primo passo per il progetto, che ci serviva anche per arrivare a definire un nome da dare a questo stesso blog, era l’identificazione di un concept. La soluzione è venuta grazie ad alcuni prime idee su come il nostro lavoro finito sarebbe stato presentato.
Pensando all’ipotesi di un libro da leggere da entrambi i versi, è nata infatti l’idea di usare immagini con una doppia lettura, al dritto e a rovescio e di conseguenza è partita la ricerca di un nome che rispecchiasse la stessa caratteristica, cioè un palindromo.
Il concetto su cui abbiamo deciso di lavorare è, insomma, la complementarietà.

4_primo_schema_impaginazione

5_primo_schema_impaginazione_latoB

6_concept_video

6_concept_video_latoB